Discussione:
Il ponte delle spie
(troppo vecchio per rispondere)
Gaetano
2015-12-14 19:10:38 UTC
Permalink
Ma guarda che curiose analogie. Il doppio del gioco: ho sempre abbinato
questa immagine all’agente segreto di Conrad. Ma guardando il trailer di
questo film che uscirà nelle sale italiane in questi giorni qualcosa mi
spinge a ridefinire le mie idee. Un thriller drammatico che si basa su una
vicenda realmente accaduta in piena Guerra Fredda: l'abbattimento, la
cattura e la condanna da parte dei russi di Francis Gary Powers, pilota
americano di un aereo-spia Lockheed U-2. Diretto da Spielberg, James Donovan
(Tom Hanks), un famoso avvocato dell’assicurazione di Brooklyn ingaggiato
dalla CIA ha per un compito quasi impossibile: la negoziazione del rilascio
del pilota americano dell'U-2 in cambio di una spia russa. E questi scambi
avvenivano in un punto preciso, sul ponte di Glienicke. Un ponte stradale di
Berlino che supera il fiume Havel collegando la città di Potsdam e quella di
Berlino. L’Unione Sovietica e gli Stati Uniti d'America durante il periodo
della guerra fredda usarono per molto il ponte per scambiarsi le rispettive
spie prigioniere, per questo motivo il ponte fu soprannominato il "ponte
delle Spie".


Gli opposti su un ponte e brume ( russi e americani )
Su un fiume con molte schiume ( il Glienicke )
L'ha sempre saputo
E l'ha sempre ignorato
Ed il doppio del gioco
L'ha molto moltiplicato ( Hanks nel film dovrà liberare anche una terza
persona )
Ed io mai che lo sospettai
Quante volte con lei scambiai
Me ne parlò. spesso me l'indicò
"Li vedi. stanno scambiando
C'è un centro sopra il ponte
E loro si vanno incontro
È li che si sfioreranno"


calypsos
2015-12-17 23:56:12 UTC
Permalink
Post by Gaetano
Ma guarda che curiose analogie. Il doppio del gioco: ho sempre abbinato
questa immagine all'agente segreto di Conrad. Ma guardando il trailer di
questo film che uscirà nelle sale italiane in questi giorni qualcosa mi
spinge a ridefinire le mie idee. Un thriller drammatico che si basa su una
vicenda realmente accaduta in piena Guerra Fredda: l'abbattimento, la
cattura e la condanna da parte dei russi di Francis Gary Powers, pilota
americano di un aereo-spia Lockheed U-2. Diretto da Spielberg, James Donovan
(Tom Hanks), un famoso avvocato dell'assicurazione di Brooklyn ingaggiato
dalla CIA ha per un compito quasi impossibile: la negoziazione del rilascio
del pilota americano dell'U-2 in cambio di una spia russa. E questi scambi
avvenivano in un punto preciso, sul ponte di Glienicke. Un ponte stradale di
Berlino che supera il fiume Havel collegando la città di Potsdam e quella di
Berlino. L'Unione Sovietica e gli Stati Uniti d'America durante il periodo
della guerra fredda usarono per molto il ponte per scambiarsi le rispettive
spie prigioniere, per questo motivo il ponte fu soprannominato il "ponte
delle Spie".
Gli opposti su un ponte e brume ( russi e americani )
Su un fiume con molte schiume ( il Glienicke )
L'ha sempre saputo
E l'ha sempre ignorato
Ed il doppio del gioco
L'ha molto moltiplicato ( Hanks nel film dovrà liberare anche una terza
persona )
Ed io mai che lo sospettai
Quante volte con lei scambiai
Me ne parlò. spesso me l'indicò
"Li vedi. stanno scambiando
C'è un centro sopra il ponte
E loro si vanno incontro
È li che si sfioreranno"
http://youtu.be/8JICEhUw9C0
Quanto tempo dedichi all'esegesi e quante cose interessanti riesci a pensare! Per te Battisti (Panella) è un assoluto metaforico, una specie di transustanziazione della vita. Bravo Gaetano, anche stasera ho imparato qualcosa che non sapevo
c.
Gaetano
2015-12-18 23:26:49 UTC
Permalink
Post by Gaetano
Ma guarda che curiose analogie. Il doppio del gioco: ho sempre abbinato
questa immagine all'agente segreto di Conrad. Ma guardando il trailer di
questo film che uscirà nelle sale italiane in questi giorni qualcosa mi
spinge a ridefinire le mie idee. Un thriller drammatico che si basa su una
vicenda realmente accaduta in piena Guerra Fredda: l'abbattimento, la
cattura e la condanna da parte dei russi di Francis Gary Powers, pilota
americano di un aereo-spia Lockheed U-2. Diretto da Spielberg, James Donovan
(Tom Hanks), un famoso avvocato dell'assicurazione di Brooklyn ingaggiato
dalla CIA ha per un compito quasi impossibile: la negoziazione del rilascio
del pilota americano dell'U-2 in cambio di una spia russa. E questi scambi
avvenivano in un punto preciso, sul ponte di Glienicke. Un ponte stradale di
Berlino che supera il fiume Havel collegando la città di Potsdam e quella di
Berlino. L'Unione Sovietica e gli Stati Uniti d'America durante il periodo
della guerra fredda usarono per molto il ponte per scambiarsi le rispettive
spie prigioniere, per questo motivo il ponte fu soprannominato il "ponte
delle Spie".
Gli opposti su un ponte e brume ( russi e americani )
Su un fiume con molte schiume ( il Glienicke )
L'ha sempre saputo
E l'ha sempre ignorato
Ed il doppio del gioco
L'ha molto moltiplicato ( Hanks nel film dovrà liberare anche una terza
persona )
Ed io mai che lo sospettai
Quante volte con lei scambiai
Me ne parlò. spesso me l'indicò
"Li vedi. stanno scambiando
C'è un centro sopra il ponte
E loro si vanno incontro
È li che si sfioreranno"
http://youtu.be/8JICEhUw9C0
Quanto tempo dedichi all'esegesi e quante cose interessanti riesci a
pensare! Per te Battisti (Panella) è un assoluto metaforico, una specie di
transustanziazione della vita. Bravo Gaetano, anche stasera ho imparato
qualcosa che non sapevo
c.

Grazie :-)
Domani corro al cinema, dicono sia un gran bel film, Il ponte delle spie. Le
ricostruzioni storiche mi hanno sempre affascinato, la guerra fredda poi ha
segnato un'epoca: negli avvenimenti politici, nella corsa dei viaggi
interstellari, nello sport, negli scacchi ( i mitici Spassky -Fischer )
I russi, i russi e gli americani, sempre loro nella lotta incerta a
contendersi il mondo...

Loading...